Home | Cino Bozzetti | Ernesto e Mario Ferrari | Attività | Servizi ai soci | Il territorio | Archivio | News | Contatti

8 marzo

Festa della donna 1997

In occasione della festa della donna l’associazione culturale FeBo ha distribuito una pergamena-attestato alle numerose donne che in paese ricoprono cariche e conducono direttamene attività produttive ed economiche oppure, con il loro lavoro, ne sono le insostituibili protagoniste.
Borgoratto, 8 marzo 1997

Gent. ma Sig.ra,

In occasione della "Festa della Donna 1997", l'Associazione Culturale FeBo e il "Comitato 8 marzo sempre", sorto nel 1991 in seno all'Associazione per la Rinascita della Valle Bormida, intendono testimoniarLe, con l'accluso diploma, tutta la loro considerazione per il Suo impegno quotidiano al servizo della nostra comunità.
All'origine dell'iniziativa vi è la constatazione che se a Borgoratto tutte le donne incrociassero le braccia, i ristoranti dovrebbero chiudere, i negozi di alimentari altrettanto, il Comune funzionerebbe a scartamento ridotto e anche la Pro Loco resterebbe priva del suo presidente. Inoltre vi sono donne che svolgono mansioni di grande responsabilità a cominciare dall'intero corpo insegnante della scuola "G. Mazzini, per arrivare al servizio postale e a quello delle affissioni.
D'altra parte Borgoratto è il paese che, già "regno di Maria la pusten'na" ha vissuto poi per decenni senza "il tabaccaio" bensì con "Isa", tanto che tale nome viene usato ancora oggi, benché Isa si stia godendo un meritato riposo e abbia ceduto la "stecca..... delle Malboro", guarda caso, ad altre mani femminili.
A tutte le protagoniste di questo "paese delle donne", compresa la decana "Francesca d'ra posta", vada il ringraziamento degli ideatori del presente modestissimo, ma doveroso, riconoscimento, che vuole superare l'ormai stucchevole prassi della mimosa, diffusa a piene mani, nella maggior parte dei casi, proprio da quelle stesse donne che, senza nulla ricevere, finiscono anche per "celebrare" la loro festa lavorando più degli altri giorni. A cominciare da quante cucinano e servono le "cene celebrative" di altri.

Associazione Culturale FeBo - Comitato 8 marzo sempre